Estate in Sardegna: tutte le mete da non perdere!

La Sardegna è una delle regioni più affascinanti d’Italia. Non a caso, viene visitata da milioni di turisti ogni anno, italiani e non. Esistono pochi luoghi che possono competere con la Sardegna, sia in termini di bellezze paesaggistiche che di cultura e tradizioni. In estate sono soprattutto le magnifiche spiagge sarde che attirano l’interesse dei turisti, ma in realtà i luoghi da vedere vanno ben oltre la sabbia dorata di quest’isola.

Ci sono infatti città come Alghero, con le incredibili grotte di Nettuno, che meritano assolutamente una visita. Discorso simile vale per Orgosolo con i suoi murales e le sue tradizioni, ma anche per tante altre località dell’Isola.

Ecco perché in questo articolo scopriremo insieme alcune delle mete imperdibili della Sardegna.

Come raggiungere la Sardegna?

Si comincia con una premessa, necessaria per godersi un viaggio rilassante. Noi consigliamo di raggiungere l’isola prenotando un traghetto, e scoprendo le varie offerte presenti su un sito come www.traghetti-sardegna.it, ad esempio. La seconda opzione è l’aereo, che assicura un viaggio più rapido ma anche più stressante, e – fattore non indifferente – ha un costo decisamente più alto.

Le spiagge più belle della Sardegna

In estate la Sardegna offre una marea di spiagge pronte per accogliere anche il più esigente dei turisti. Basti ad esempio citare Cala Mariolu, considerata una delle più belle del mondo, per merito del suo mare cristallino e per la privacy che offre, non essendo facile da raggiungere. 

Un’altra spiaggia degna di menzione è Cala Spinosa a Santa Teresa di Gallura, con il suo mare blu cobalto e ottima per chi ama attività come lo snorkeling. Si prosegue nominando altre spiagge sarde da visitare a tutti i costi almeno una volta nella vita, come Cala Coticcio, Tuerredda, La Pelosa e Lo Scoglio di Peppino, perfetto per le famiglie con bimbi al seguito. 

Fra le spiagge più belle della Sardegna troviamo anche Cala Goloritzé, insieme a Su Giudeu e l’incredibile Spiaggia Rosa di Budelli. Quest’ultima deve il suo nome al colore della sabbia, composta da un mix di granito e coralli unico nel suo genere, e di sicuro impatto visivo.

Le altre mete imperdibili della Sardegna

Come anticipato poco sopra, la Sardegna non è famosa soltanto per via delle sue spiagge, ma anche per merito delle sue città e di molte altre attrazioni. Alghero rappresenta un must: si tratta infatti di una meta ricca di opportunità per divertirsi, oltre che di una serie di attrazioni perfette anche per chi ama la cultura e le bellezze architettoniche, come il Museo del Corallo e la Cattedrale. 

Chi ama una vacanza all’insegna della scoperta dei borghi medievali, amerà anche Castelsardo. Questa cittadella si fa apprezzare per il suo castello, ma anche per i suoi numerosi negozietti, dove è possibile acquistare diversi prodotti tipici sardi. Un altro paese che consigliamo di visitare è Orgosolo, famoso per i murales dal tenore sociale molto forte dipinti sulle pareti delle case. 

La lista prosegue, includendo anche le tante grotte turistiche della Sardegna, alcune accessibili via mare, come la Grotta di Nettuno, la grotta del Bue Marino e quella del Fico. Tutte fantastiche opzioni per chi desidera immergersi nelle meraviglie della natura, accompagnati da guide esperte.

RIMANI AGGIORNATO su cosa fare e cosa succede in Sardegna, ma anche su turismo, aerei, traghetti, trasporti interni e regolamenti vari sulla nostra pagina Facebook “Sardegna“.

PER GLI EVENTI: consigliamo di visitare sempre i link fonte prima di mettersi in viaggio, per verificare eventuali aggiornamenti dei quali noi potremmo non essere venuti a conoscenza.
PER MUSEI E AREE ARCHEOLOGICHE:: visitate sempre i link a siti e pagine social ufficiali di ogni struttura museale o archeologica prima di mettervi in viaggio, orari e prezzi potrebbero infatti cambiare durante il corso dell'anno.
COPYRIGHT: poniamo la massima attenzione nella scelta delle foto e dei contenuti. Essi sono nostri o ci sono stati concessi dai diretti proprietari (fotografi, artisti, organizzatori, uffici stampa) oppure sono disponibili nel libero dominio. Linkiamo sempre le nostre fonti. Per qualsiasi dubbio o segnalazione contattaci subito.
REFUSI: purtroppo di questi tempi si scrive iper veloci, può capitare perciò, malgrado ci si metta la massima attenzione e si rilegga sempre l'articolo, che il nostro occhio non veda eventuali errori o refusi. Siete pregati di segnalarceli immediatamente, grazie!

Commenta!