Plastica vietata in Costa Smeralda e su tutto il territorio di Arzachena!

Arzachena vieta la plastica monouso in Costa Smeralda e su tutto il territorio comunale: dopo una simile ordinanza del Comune di San Teodoro che già da qualche giorno ha bloccato l’utilizzo della plastica monouso sul proprio territorio, anche il Comune di Arzachena, nel cui territorio ricade anche la mitica Costa Smeralda, ha deciso di vietare l’uso della plastica usa e getta.

Il sindaco Roberto Ragnedda ha infatti emesso oggi un’ordinanza – la n°21 del 05/04/2019 – che impone il divieto di utilizzo di particolari oggetti monouso in plastica soprattutto nei litorali e belle spiaggenei siti archeologicinei parchi, nei boschi e nelle pinete del territorio comunale della cittadina gallurese (ecco le le 10 cose da fare tra Arzachena e la Costa Smeralda). Il divieto comprende anche le tante manifestazioni che si svolgono sul territorio, specie in estate, tra sagre, concerti, mercati, ecc.

L’ordinanza si riferisce in dettaglio a piatti, bicchieri, stoviglie in genere e loro imballaggi, a palette dei gelati, cannucce, palloncini e simili, buste e, infine, a bastoncini per le orecchie in plastica.

Entrata in vigore dell’ordinanza e sanzioni:

L’ordinanza entrerà in vigore dal prossimo 1° giugno 2019, vengono quindi lasciati trenta giorni per adeguarsi, terminare le scorte e trovare soluzioni alternative. Le sanzioni per i trasgressori vanno da un minimo di 25 euro a un massimo di 500 euro.

Cosa l’ordinanza NON vieta:

Anche se non vietati dall’ordinanza a causa dell’attuale carenza di prodotti sostitutivi in commercio facilmente indicabili Il Comune invita la popolazione residente e i turisti a prestare massima attenzione lungo i litorali e in barca:

  • al consumo di bevande contenute in bottiglie di plasticalattine o in altri materiali non biodegradabili;
  • al consumo di prodotti alimentari contenuti in confezioni plastificate o in altri materiali non biodegradabili;
  • all’utilizzo di prodotti avvolti in pellicola trasparente (giornali, riviste, giocattoli, pacchetti di sigarette, ecc.).
  • al corretto conferimento dei materiali in cestini idonei alla raccolta e al riciclo.

Purtroppo scodelle, coperchi, tappi, bottiglie, linguette metalliche, fogli di polistirolo e imballaggi sono tra i rifiuti raccolti in maggior quantità nelle spiagge e nei retrospiaggia. E non solo.

Il Capodoglio spiaggiato con 22 chili di plastica nello stomaco:

E’ solo di pochi giorni fa la storia del capodoglio di 8 metri spiaggiato a Cala Romantica (Porto Cervo) con il suo feto e ben 22 chili di plastica nello stomaco. Così Luca Bittau della onlus SeaMe, che si occupa di tutela della risorsa marina, aveva divulgato la notizia:

Siamo rimasti tutti un po’ sgomenti nel vedere tutta questa plastica dentro lo stomaco di questo animale. Sicuramente rappresenterà un monito per quello che noi stiamo facendo a questi animali, al nostro mare e a noi stessi.

Peraltro il Comune di Arzachena è uno dei comuni costieri che ha sottoscritto l’accordo Pelagos, il Santuario dei cetacei, una zona marina di 87.500 chilometri quadrati che nasce da un accordo tra l’Italia, il Principato di Monaco e la Francia per la protezione dei mammiferi marini che lo frequentano massicciamente per l’abbondanza di cibo.

Segui questo blog anche su FacebookTwitter e Instagram!

PER GLI EVENTI: consigliamo di visitare sempre i link fonte prima di mettersi in viaggio, per verificare eventuali aggiornamenti dei quali noi potremmo non essere venuti a conoscenza.
PER MUSEI E AREE ARCHEOLOGICHE:: visitate sempre i link a siti e pagine social ufficiali di ogni struttura museale o archeologica prima di mettervi in viaggio, orari e prezzi potrebbero infatti cambiare durante il corso dell'anno.
COPYRIGHT: poniamo la massima attenzione nella scelta delle foto e dei contenuti. Essi sono nostri o ci sono stati concessi dai diretti proprietari (fotografi, artisti, organizzatori, uffici stampa) oppure sono disponibili nel libero dominio. Linkiamo sempre le nostre fonti. Per qualsiasi dubbio o segnalazione contattaci subito.
REFUSI: purtroppo di questi tempi si scrive iper veloci, può capitare perciò, malgrado ci si metta la massima attenzione e si rilegga sempre l'articolo, che il nostro occhio non veda eventuali errori o refusi. Siete pregati di segnalarceli immediatamente, grazie!

Commenta!