Energie rinnovabili: Sardegna quarta Regione più green d’Italia, terza per l’Eolico!

Energie rinnovabili in Sardegna: Il centro studi di Confartigianato Imprese ha analizzato i dati del bilancio dell’energia elettrica elaborati da Terna, i quali indicano un ritorno alla crescita nel 2015 sia della domanda di elettricità (+4,7 TWh e +1,5% rispetto all’anno precedente, dopo tre anni di ‘recessione elettrica’ dal 2012 al 2014), che dell’offerta  (+13,8 TWh e +8,3% rispetto al 2014, in questo caso dopo ben 4 anni di recessione). Prosegue anche la crescita nella produzione di energie rinnovabili con +2,6 TWh (pari al +6,1% al netto dell’idrico), in particolare, energia fotovoltaica +2,8 TWh (pari al+13,0%), energia geotermica +0,3 TWh (pari al 4,5%), mentre cala la produzione di energia eolica (-0,5 TWh, pari al -3,3%). Se invece consideriamo anche la produzione di energia rinnovabile da fonti idriche – storicamente presente soprattutto nelle regioni alpine – , allora la produzione di energia rinnovabile in Italia crolla, scendendo del 28,5%. 

Sardegna quarta regione italiana per produzione di energie rinnovabili:

Sommando la potenza efficiente da fonti rinnovabili al netto dell’idrico – eolico, fotovoltaico, geotermoelettrico e biomasse, inclusa la parte dei rifiuti non biodegradabili – , la regione più green d’Italia è il  Molise con 1.849 Watt di potenza efficiente per abitante, seguita dalla Basilicata con 1.582, Puglia con 1.276 e, al quarto posto, la Sardegna con 1.083. La nostra regione brilla soprattutto nel settore eolico e fotovoltaico.

fonti-rinnovabili-non-idriche-italia-sardegna-2015

Le energie rinnovabili in Sardegna, bene l’eolico:

La potenza efficiente da fonti rinnovabili vede la Sardegna al terzo posto in Italia per l’eolico con 1083 Watt per abitante, al 7° posto per il fotovoltaico con 430 Watt, mentre rimane marginale la produzione di energia elettrica da biomasse,  siamo in 12ma posizione con 54 Watt. Del tutto assente invece l’energia termica, che in Italia viene prodotta unicamente in Toscana.

Colpisce semmai il fatto che la Sardegna – considerata solitamente come una regione arida e siccitosa – sia al nono posto per  l’energia idroelettrica, con 280 Watt di potenza per abitante.

Il boom dell’eolico in Sardegna ci porta a una doppia riflessione, se da un lato infatti si deve evitare qualsiasi speculazione evitando di compromettere i siti ambientali e archeologici più importanti, dall’altro ha portato veri e propri miracoli, come a Tula, il paese del nord Sardegna, con la pressione fiscale tra le più basse d’Italia.

Energie rinnovabili e imprese:

Malgrado la crisi portata nel settore dal taglio degli incentivi, nel 2015 sono state ben 100.418 imprese della filiera delle Fonti di energia rinnovabile in Italia, che hanno contribuito a installare e gestire gli oltre 656.213 impianti di produzione elettrica alimentati da fonti rinnovabili presenti a fine 2014, anno di riferimento dei dati presentati. L’Italia risulta essere il primo – tra i maggiori Paesi dell’Ue – per crescita della quota di generazione di energia elettrica da fonti rinnovabili tra il 2009 e il 2013, con una crescita doppia rispetto a quella media dell’Europa a 28 Stati. Trovate qui l’intera indagine con tutte le tabelle.

Potenza efficiente (di un impianto di generazione): Le statistiche che vi abbiamo mostrato offrono dati relativi alla potenza efficiente (divisa per il numero di abitanti), ma di cosa si tratta? Ci viene in aiuto il sito dell’Enea:

Massima potenza elettrica erogabile per una durata di funzionamento uguale o superiore a 4 ore e per la produzione esclusiva di potenza attiva, supponendo tutte le parti dell’impianto interamente in efficienza e nelle condizioni ottimali.

Segui questo blog anche su FacebookTwitter e Google+!

Foto copertina: HrodebertRobertus (CC BY-ND 2.0)

PER GLI EVENTI: consigliamo di visitare sempre i link fonte prima di mettersi in viaggio, per verificare eventuali aggiornamenti dei quali noi potremmo non essere venuti a conoscenza.
PER MUSEI E AREE ARCHEOLOGICHE:: visitate sempre i link a siti e pagine social ufficiali di ogni struttura museale o archeologica prima di mettervi in viaggio, orari e prezzi potrebbero infatti cambiare durante il corso dell'anno.
COPYRIGHT: poniamo la massima attenzione nella scelta delle foto e dei contenuti. Essi sono nostri o ci sono stati concessi dai diretti proprietari (fotografi, artisti, organizzatori, uffici stampa) oppure sono disponibili nel libero dominio. Linkiamo sempre le nostre fonti. Per qualsiasi dubbio o segnalazione contattaci subito.
REFUSI: purtroppo di questi tempi si scrive iper veloci, può capitare perciò, malgrado ci si metta la massima attenzione e si rilegga sempre l'articolo, che il nostro occhio non veda eventuali errori o refusi. Siete pregati di segnalarceli immediatamente, grazie!

Commenta!